Finanza & Mercati

Dossier Tra frodi e speculazioni è boom di criptovalute

    Dossier | N. 38 articoliCriptovalute: bitcoin e le altre

    Tra frodi e speculazioni è boom di criptovalute

    (Epa)
    (Epa)

    L’ultima è nata proprio ieri, raccogliendo 200 milioni di dollari in un’ora. Filecoin è una nuova criptovaluta creata per finanziare un sistema distribuito di storage permettendo di salvare file e dati in ambienti che non sono proprietà di nessuno. Tutto grazie alla blockchain, la tecnologia su cui si basa la costruzione del bitcoin. In realtà Filecoin aveva già raccolto settimana scorsa in fase di “pre-sale” 52 milioni messi sul piatto da big del venture capital quali Sequoia Capital e Andreessen Horowitz.

    È tra questi estremi che si gioca la partita delle criptovalute che sta catalizzando l’attenzione della finanza globale con quotazioni che stanno facendo sognare centinaia di migliaia di piccoli investitori e nascere fenomeni che lasciano intravedere vere e proprie truffe. Da una parte milioni di dollari raccolti attraverso le Ico, Initial coin offering, che permettono di finanziare startup con progetti a volte del tutto aleatori con l’emissione di nuove criptovalute: con quella di Filecoin si arriva a quasi due miliardi di dollari raccolti con Ico, con una netta accelerazione negli ultimi tre mesi. Dall’altra parte, su alcuni di questi progetti, e Filecoin è uno di questi, si trovano a investire non avventurieri della finanza ma nomi del venture capital che hanno fatto la storia della Silicon Valley. Sempre ieri Coinbase, una delle principali piattaforme dove si comprano e si vendono criptovalute, è diventato il primo “unicorno” del mondo bitcoin, con un nuovo round di finanziamento da 100 milioni di dollari sulla base di una valutazione di 1,6 miliardi di dollari.

    Intanto anche le quotazioni delle criptovalute continuano a lievitare pur con oscillazioni da montagne russe. Lo stesso bitcoin, che vale poco meno della metà dei 125 miliardi di capitalizzazione di questo mondo, ha toccato ieri il suo record a 3.586 dollari, incurante della scissione che a inizio agosto ha portato alla nascita della concorrente bitcoin cash. Sono questi numeri che fanno dire al Wsj che sotto i fuochi d’artificio delle monete digitali «sta fermentando una nuova crisi finanziaria». A sostenerlo è James Mackintosh, che delinea un parallelo con la crisi che ha colpito il mondo proprio 10 anni fa: «Quello che i risparmiatori pensarono era che il denaro fosse diventato semplicemente credito, e la realizzazione di questo fece rapidamente a pezzi il mercato finanziario Usa e il sistema bancario mondiale.C’è il piccolo rischio che questo si ripeta in qualunque momento a breve». Anche un guru della prima bolla di internet come Henry Blodget ha indicato il bitcoin come «l’asset perfetto per una bolla speculativa». «Bitcoin non è certo la causa di un’eventuale crisi - ribatte Ferdinando Ametrano, docente di criptovalute al Politecnico e a Milano Bicocca -. Piuttosto potrebbe rappresentarne una cura, magari palliativa, per mettere al riparo i patrimoni. Se bitcoin è, come io credo, il nuovo oro digitale, diventa un bene rifugio alla stregua dell’oro fisico». In effetti le quotazioni hanno accelerato in questi giorni in coincidenza con i nervosismi che hanno colpito le Borse sul filo della tensione Washington-Pyongyang.

    Non aiuta certo a rasserenare il clima attorno alle valute digitali il fatto che siano utilizzate per scopi non sempre leciti. Sfruttando opacità e assenza di regole, il crimine online fa ricorso all’anonimato - o, meglio, allo “pseudonimato” - reso possibile da bitcoin. Così Hbo ha dovuto venire a patti con gli hacker offrendo di pagare 250mila dollari, in bitcoin, per riavere file e contenuti carpiti dal loro sistema informatico che metterebbero a rischio l’intera stagione del “Trono di spade”, e con essa ricavi miliardari. Ma la regola che devono tenere presente i criminali è la stessa che deve avere in mente qualsiasi investitore: «Grandi investimenti si accompagnano a grandi rischi - conclude Ametrano -: tra 10 anni bitcoin potrà valere un milione di dollari. Oppure zero».

    © Riproduzione riservata