Mondo

May attacca Putin: sappiamo cosa stai facendo contro l’Occidente

letture attorno a brexit

May attacca Putin: sappiamo cosa stai facendo contro l’Occidente

  • – di Redazione Online
Theresa May ieri al Lord Mayor's Banquet (Reuters)
Theresa May ieri al Lord Mayor's Banquet (Reuters)

La premier britannica Theresa May accusa il presidente Vladimir Putin di aver «militarizzato» l’informazione per creare discordia fra le istituzioni occidentali. Accusa il leader russo di essere dietro «alle notizie false», le fake news che infestano il web e condizionano, fuorviandola, l’opinione pubblica occidentale. Ci sarebbe Putin , secondo May, dietro una campagna di cyberspionaggio e rottura. Il riferimento è al network Russia Today, ma certo il pensiero va alle intromissioni russe nelle elezioni americane che stanno scuotendo gli Stati Uniti da un anno, da quando è stato eletto Donald Trump.

Durante il suo intervento al Lord Mayor's Banquet di Londra, May si è rivolta direttamente a Putin: «Sappiamo cosa stai facendo ma non ci riuscirai» perché «tu sottovaluti la resilienza delle nostre democrazie, la perdurante attrazione verso la libertà delle nostre democrazie e società aperte, e l’impegno delle nazioni occidentali ad alleanze che ci legano gli uni agli altri».

Tutto torna all’Ucraina. May ha detto che la Russia ha fomentato il conflitto nell’est Ucraina, violato lo spazio aereo di Paesi europei, hackerato il ministero della difesa danese e il parlamento tedesco. Tutto è cominciato dall’annessione della Crimea. «Il Regno Unito farà quello che è necessario per proteggersi - ha detto May - e la vorerà con i nostri alleati per fare la stessa cosa».

Il primo ministro britannico ha aggiunto che intraprenderà «le azioni necessarie per contrastare l’attività russa. Non è il tipo di relazione che vorremmo avere con la Russia». Il focus è sulle crescenti critiche a gruppi legati alla Russia e al Cremlino, accusati di intromissioni nei processi elettorali di Brexit, Catalogna, e ovviamente elezioni presidenziali Usa 2016.

C’è però chi vede in questo intervento in una serata di gala, un modo della May di agitare lo spettro russo, tornato di moda in Gran Bretagna come negli Usa con toni da neo-guerra fredda, per perorare la causa di un accordo commerciale post Brexit con l'Ue a dispetto delle evidenti difficoltà attuali nei negoziati con Bruxelles. Alla debolezza della premier May e del suo governo si assiste da mesi, precisamente dall’8 giugno giorno delle elezioni politiche perse dai conservatori di cui May è leader.

© Riproduzione riservata