Italia

Equo compenso allargato a tutti i professionisti

dl fisco: al senato, esame riprende domani

Equo compenso allargato a tutti i professionisti

Sì della commissione Bilancio al Senato all'emendamento che introduce l'equo compenso. La misura è stata riscritta allargando il raggio di azione dai soli avvocati che svolgono prestazioni a vantaggio di banche, assicurazioni e imprese, a tutti i professionisti, anche a quelli non iscritti a un ordine. Previsto nella nuova formulazione poi anche che la Pubblica amministrazione debba garantire il principio dell'equo compenso. Il provvedimento su cui i senatori hanno votato il mandato al relatore è approdato stamattina in Aula a Palazzo Madama, dove i lavori conclusivi sono ripresi nel pomeriggio.

In serata l'Aula ha sospeso l'esame e riprenderà i lavori domani mattina con la replica del vice ministro dell'Economia, Enrico Morando. È quindi attesa la presentazione da parte del Governo di un maxiemendamento interamente sostitutivo del testo del decreto legge approvato la notte scorsa dalla commissione Bilancio, sul quale verrà posta la questione di fiducia. Il decreto scade il 15 dicembre e dovrà essere esaminato anche dalla Camera per l’approvazione definitiva.

Commissione Bilancio Camera: impegno a chiudere entro il 1° dicembre
Intanto, in attesa del testo dopo l'ok del Senato, l'ufficio di presidenza della commissione Bilancio di Montecitorio ha preso all'unanimità l'impegno a chiudere l'esame del del decreto fiscale entro venerdì 1° dicembre e ha già stilato il calendario dei lavori. Garantendo un passaggio rapido in commissione ci sarebbe così anche lo spazio per eventuali ulteriori modifiche al testo, anche se il relatore a Palazzo Madama, Silvio Lai (Pd), già ha annunciato che a Montecitorio il decreto non sarà toccato e che i deputati potranno invece lavorare in seconda lettura sulla manovra.

Dai alle forze dell’ordine, le novità
Dagli oltre due milioni per garantire la produzione e la trasformazione di cannabis ad uso medico ai 4,5 milioni l'anno alla Polizia e Vigili del Fuoco per il contrasto al terrorismo internazionale, dalle semplificazioni per le scuole sul fronte dei vaccini alle misure sulla cybersecurity passando per il dimezzamento dell'orchestra della polizia penitenziaria. Il pacchetto di emendamenti del Governo al decreto fiscale licenziato dalla commissione Bilancio del Senato nelle ultime ore contiene queste novità. Tra le misure che hanno incassato il disco verde anche quella che ribadisce la scadenza del prestito ponte per Alitalia, le misure relative alla Croce rossa, quelle sulla confisca allargata contro i corrotti e quelle sulle missioni internazionali delle forze armate.

Ritirata la misura sulle agenzie fiscali
Ritirato invece l'emendamento che travasava la riforma delle agenzie fiscali nel decreto fisco. La proposta di modifica era a firma del relatore Silvio Lai (Pd) e secondo quanto riferito verrà ripresentata in occasione dell'esame della manovra. Stessa sorte per l'emendamento del governo al decreto fiscale sull'istituzione della fondazione sulla cybersecurity. «Per lo svolgimento dei compiti rivolti ad accrescere il livello di protezione cibernetica e di sicurezza informatica nazionali», la norma dava la possibilità al dipartimento delle informazioni per la sicurezza di Palazzo Chigi di «costituire, anche per la promozione di mirate attività di ricerca, una fondazione di diritto privato con la partecipazione di enti ed amministrazioni pubbliche e soggetti privati». Rimessi nel cassetto anche gli emendamenti del relatore sul servizio civile universale, con l'aumento della dotazione organica presso la Presidenza del Consiglio, e sui poligoni militari.

Orlando: sull’equo compenso impegno rispettato
«Un altro passo per il riconoscimento dell'equo compenso per il lavoro dei professionisti. La breccia aperta dalla proposta relativa agli avvocati ha aperto, come promesso, la strada per tutte le altre professioni», è stato il commento del ministro della Giustizia, Andrea Orlando. «Con l'emendamento - continua il Guardasigilli - e le sue riformulazioni governative approvate stanotte in commissione Bilancio al Senato il principio del riconoscimento dell'equo compenso per tutte le professioni entra nel testo del Dl fiscale che verrà approvato definitivamente entro fine anno. Oltre all'allargamento a tutte le professioni, il testo approvato con pareri favorevoli di ministero della Giustizia e ministero dell'Economia e delle Finanze (Ragioneria Generale) introduce
nel nostro ordinamento il principio che la Pubblica amministrazione debba riconoscere un compenso equo ai professionisti». Un impegno «che ho preso con tutti i professionisti italiani per sradicare quello che ho più volte definito come un vero e proprio “caporalato intellettuale”; un impegno che seppur con fatica e tra mille resistenze, stiamo portando avanti e che approveremo prima della fine della legislatura. Lo dobbiamo ai professionisti italiani».

Mascherin (Cnf): passaggio molto importante
Per il presidente del Consiglio nazionale forense Andrea Mascherin si tratta di «un passaggio molto importante» verso l'approvazione definitiva dell'equo compenso. «La soddisfazione deriva anche dalla conferma che l'avvocatura abbia fatto e faccia da traino anche per le altre professioni, inserite nella norma licenziata ieri, in una vera e propria battaglia di civiltà quale è quella del riconoscimento della dignità e del rilievo del lavoro autonomo. Si è anche riusciti ad inserire nel decreto legge un obbligo “comportamentale” per la Pubblica amministrazione, tenuta a rispettare il principio dell'equo compenso».

Ok a 40 assunzioni in Consob
Approvato dalla commissione Bilancio del Senato anche un emendamento Pd che prevede per la Consob la possibilità di assumere fino a 40 persone per «il potenziamento dell'azione di vigilanza» a tutela dei risparmiatori, anche in considerazione dei nuovi compiti affidati dal decreto in materia di norme 'anti-scorrerie'. Le risorse, 1,7 milioni nel 2018 e 3,4 a decorrere dal 2019, andranno recuperate tra quelle già nelle disposizioni della Consob per «finalità assunzionali».

© Riproduzione riservata