Italia

Arrestato il «re dell’eolico» Vito Nicastri: colpo alla…

  • Abbonati
  • Accedi
Operazione a Trapani

Arrestato il «re dell’eolico» Vito Nicastri: colpo alla rete di protezione di Messina Denaro

Il vento, grande passione imprenditoriale del boss latitante di Cosa nostra Matteo Messina Denaro, ancora una volta gli spira contro. Anche se lui resta una primula rossa da quasi un quarto di secolo.
Oltre cento uomini fra carabinieri del Nucleo investigativo di Trapani, del Raggruppamento operativo speciale e della Dia (agli ordini di Rocco Lopane) stanno infatti colpendo il muro economico e di protezione della primula rossa di Castelvetrano. L’inchiesta è coordinata dal procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Gianluca De Leo e Carlo Marzella. I reati contestati a vario titolo a 12 soggetti sono di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, favoreggiamento e intestazione fittizia di beni, reati questi ultimi aggravati dalle modalità mafiose.

L’operazione costituisce l’esito di un’attività investigativa avviata nell’aprile del 2014 sotto il coordinamento della Dda di Palermo, che ha consentito di cristallizzare una serie di condotte criminose di esponenti delle famiglie mafiose di Vita e Salemi, ritenuti possibili favoreggiatori del latitante Messina Denaro. Le indagini hanno consentito di individuare i capi delle famiglie di Cosa nostra di Vita e Salemi. Gli arrestati, servendosi anche di professionisti per consulenze agricole e immobiliari, sono riusciti attraverso società di fatto riconducibili all’organizzazione mafiosa ma fittiziamente intestate a terzi, a realizzare notevoli investimenti in colture innovative per la produzione di legname nonché in attività di ristorazione.

L’attività d’indagine svolta dagli inquirenti ha consentito di accertare che parte del denaro derivante dagli investimenti sarebbe stata destinata dai vertici di Cosa nostra trapanese al mantenimento del latitante.
Contestualmente sono stati sequestrati tre complessi aziendali.
Tra gli arrestati c’è Vito Nicastri, «il signore del vento» per i suoi investimenti nell’eolico e a cui sono stati già confiscati beni per oltre un miliardo. Nicastri è indagato per concorso esterno.
Totò Riina nelle conversazioni nel carcere milanese di Opera con il compagno di socialità Alberto Lorusso, si lamentava per il fatto che il boss di Castelvetrano si facesse gli affari propri. «Questo signor Messina - disse Riina - questo che fa il latitante che fa questi pali eolici ... ci farebbe più figura se la mettesse nel c... la luce e se lo illuminasse... fa pali per prendere soldi ma non si interessa...».

Le indagini hanno individuato Salvatore Crimi e Michele Gucciardi i capi famiglia di Cosa nostra di Vita e Salemi. I due sono riusciti, attraverso Agri Innovazioni srl, secondo investigatori e inquirenti società di fatto riconducibile al pregiudicato mafioso Girolamo Scandariato, a realizzare notevoli investimenti in colture innovative per la produzione di legname.
I due “uomini d'onore” hanno avuto un ruolo centrale nella gestione di una grossa operazione di speculazione immobiliare realizzata attraverso l'acquisto in un'asta giudiziaria di una vasta tenuta agricola di oltre sessanta ettari (località Pionica del comune di Santa Ninfa) e la successiva rivendita alla Vieffe, società agricola riconducibile ad imprenditori di San Giuseppe Jato, ritenuti vicini ad ambienti mafiosi locali.
L'azienda agricola, di proprietà della moglie di Antonio Salvo, nipote degli ex esattori salemitani, i cugini Nino e Ignazio Salvo, sotto la regia di Cosa nostra trapanese, venne formalmente acquistata all'asta da Roberto Nicastri, ritenuto prestanome del fratello Vito, mprenditore del settore eolico, già sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, per poi essere ceduta a Vieffe per l'importo di 530.000 euro.
Il prezzo di vendita reale dei terreni è stato notevolmente superiore a quello dichiarato negli atti notarili e la differenza, pari a oltre duecentomila euro, sarebbe stata incassata dagli uomini di Cosa nostra per la loro attività di “intermediazione immobiliare”.

Secondo le dichiarazioni del defunto collaboratore di giustizia Lorenzo Cimarosa, corroborate dall'attività d'intercettazione svolta dagli inquirenti, parte di tale somma sarebbe stata destinata da Michele Gucciardi e Vito Gondola, già reggente del mandamento mafioso di Mazara del Vallo, al mantenimento del latitante Messina Denaro, che l'avrebbe ricevuta proprio attraverso Lorenzo Cimarosa e Francesco Guttadauro, nipote prediletto del latitante, attualmente detenuto.
Michele Gucciardi avrebbe inoltre costretto l'originaria proprietaria dei terreni a rinunciare ai propri diritti di reimpianto dei vigneti sulla tenuta agricola, per consentire agli imprenditori di San Giuseppe Jato di ottenere finanziamenti comunitari per seicentomila euro circa, in parte distratti per pagare il prezzo d'acquisto della tenuta stessa.
Sempre Michele Gucciardi - e sempre secondo le ricostruzioni di investigatori e inquirenti - era riuscito a reinvestire il denaro della famiglia mafiosa di Salemi in terreni già riconducibili al mafioso Salvatore Miceli, acquistati formalmente dalla moglie di Sergio Giglio, recentemente condannato per associazione mafiosa, perché coinvolto nella veicolazione dei “pizzini” per Matteo Messina Denaro.

Salvatore Crimi, attraverso la società Aerre sas di proprietà della moglie, è riuscito ad investire nel campo della ristorazione, aprendo un ristorante. Girolamo Scandariato deve rispondere anche del reato di estorsione aggravata da metodo mafioso per aver svolto il ruolo di mediatore mafioso in un'estorsione perpetrata ai danni di alcuni imprenditori che avevano acquistato un terreno agricolo in Castelvetrano, sul quale avrebbe vantato diritti di proprietà (occulta) il defunto boss mafioso Totò Riina.
Le società Aerre sas, nonché il 25% del capitale sociale della Agri Innovazioni (quota fittiziamente intestata al figlio di Girolamo Scandariato) sono state poste a sequestro preventivo finalizzato alla confisca poiché ritenute fittiziamente intestate a soggetti in realtà facenti parte dell'organizzazione mafiosa.
Il sequestro della Vieffe si è invece reso necessario poiché è stato accertato essere un'impresa, a tutti gli effetti, a partecipazione mafiosa, fungendo per investigatori e inquirenti da strumento per il perseguimento dei fini economici dell'organizzazione criminale.

r.galullo@ilsole24ore.com

© Riproduzione riservata