Italia

Sanità, Ricciardi: «L’Italia è uscita dalla…

  • Abbonati
  • Accedi
sanità

Sanità, Ricciardi: «L’Italia è uscita dalla classifica dei casi di morbillo»

«L'Italia è passata dai mille casi di morbillo del 2017, che hanno portato a 5 morti, ai 100 casi di quest'anno. Per noi è un grande successo, che ci consente di uscire dalla classifica internazionale che solo un anno fa ci vedeva al quinto posto per casi di morbillo, dopo Afghanistan, Pakistan, Nigeria, Romania». Lo ha sottolineato Walter Ricciardi, presidente dell'Istituto superiore di sanità, intervenuto al Forum Medina e informazione scientifica organizzato a Roma dalla Fondazione Biagio Agnes. Al centro del forum il tema dei vaccini. «L'importanza delle vaccinazioni è stata dimostrata. Abbiamo fatto un passo in avanti ma non ci dobbiamo fermare», ha sottolineato Ricciardi.

Tre premi per l’eccellenza nella salute
Tre premi per l'eccellenza nella salute, intitolati a Biagio Agnes, storico giornalista e direttore generale della Rai che per primo ideò la trasmissione
“Check up” , dedicata alla divulgazione medico-scientifica. Ad attribuirli oggi, nell'ambito del forum “Un check up per l'Italia”, Gianni Letta al rettore della Sapienza Eugenio Gaudio, al direttore della Scuola di specializzazione in Endocrinologia del Policlinico Gemelli Alfredo Pontecorvi e a Bruno Vincenzi, associato di Oncologia Medica del Policlinico Campus Bio-Medico. «Questo premio è per dare un riconoscimento alle strutture sanitarie ai giovani ricercatori e ai luminari che si occupano da sempre di questi temi con grandissimo impegno», ha spiegato Simona Agnes, presidente della Fondazione Biagio Agnes. «Oltre alla persona singola - evidenzia il rettore Gaudio - credo che sia un riconoscimento all'università che rappresento, da sempre impegnata sulla ricerca biomedica con tre ospedali di insegnamento presso il Policlinico Umberto I, S.Andrea e Polo Pontino a Latina».

Vaccini, 5 bufale da sfatare

Il vaccino spray per l’influenza
Ajit Lalvani, direttore del Centro Ricerche sulla Tubercolosi e docente di Malattie Infettive nell'Imperial College di Londra, ha parlato dell'esperienza di un vaccino in spray nasale per l'influenza. «Da tre anni- ha evidenziato- stiamo portando avanti un programma di vaccinazioni per i bambini che sta ottenendo ottimi risultati: si tratta di un vaccino spray nasale che contiene il virus vivo dell'influenza inattivato. Costa 100 milioni di pound ogni anno, ma è un investimento, visto che nella stagione invernale successiva porta a un risparmio maggiore della spesa sostenuta».

Anziani disinformati sui vaccini
Anziani disinformati rispetto alle vaccinazioni, in particolare a quelle previste dal nuovo Piano nazionale vaccini del 2017. Su anti-influenza, anti-pneumococco, anti-herpes zoster, c'è ancora grande confusione. Lo ha sottolineato Roberto Bernabei del Gemelli, direttore del Polo Scienze dell'invecchiamento, intervenuto all'evento organizzato dalla Fondazione Biagio Agnes su prevenzione e vaccini. Per Fabrizio Pregliasco, ricercatore del Dipartimento di scienze biomediche Università di Milano, l'anti-influenza è il classico esempio: 8 milioni i casi complessi stimati quest'anno, eppure il pubblico continua a non perpecipire il rischio. La vaccinazione, ha sottolineato Pregliasco, riduce del 50% la mortalità e i danni cardiovascolari, ed è per questo che va consigliata soprattutto alle persone fragili.

© Riproduzione riservata