Italia

I 91 anni del Papa emerito Ratzinger, a cinque anni dalla…

  • Abbonati
  • Accedi
vaticano

I 91 anni del Papa emerito Ratzinger, a cinque anni dalla “rinuncia”

Il Papa emerito Benedetto XVI (foto Ansa)
Il Papa emerito Benedetto XVI (foto Ansa)

L’ultimo giro di voci di un decesso si erano diffuse due settimane fa, alla vigilia di Pasqua. Ed erano seguite a quelle più insistenti dello scorso dicembre. Ma Benedetto XVI, pur fiaccato nelle forze e in una condizione di progressiva debolezza, oggi compie 91 anni, un po’ a dire che le voci sulla sua scomparsa sono (per ora) esagerate. Lo scorso anno, al traguardo dei 90 anni, si era tenuta davanti al monastero Mater Ecclesiae, dove vive dal 2 maggio 2013 nella parte nord est dei giardini vaticani, una festa in puro stile bavarese, con boccali di birra, cesti di Bretzel e di dolci e gli Schuetzen che, in costume tipico, suonavano musiche tradizionali. Gli 81 anni invece li aveva compiuti in “carica”, ed esattamente il giorno in cui era in programma la visita alla Casa Bianca, presidente George W. Bush, con tanto di torta gigante a forma di piazza San Pietro.

Festa per pochi intimi
Quest’anno ci sarà una festa riservata a pochi intimi tra cui il fratello monsignor Georg, oggi 94enne, che è giunto dalla Baviera. È possibile anche una visita di Papa Francesco, che lo aveva incontrato proprio nelle ore in cui si erano diffuse le voci della sua scomparsa. Il Papa emerito - nato a Marktl in Baviera, arcivescovo di Monaco nel 1978, prefetto per la Dottrina della Fede nel 1984, eletto Papa tre giorni dopo la data del suo compleanno, il 19 aprile 2005, ha annunciato la rinuncia al ministero petrino l’11 febbraio 2013, scattata dal 28 febbraio 2013.

La recente vicenda della “lettera” sulla teologia di Francesco
Di recente Joseph Ratzinger è stato protagonista, suo malgrado, della vicenda della lettera sulla “teologia” di Francesco, una collana di undici volumetti editi dalla Libreria Vaticana. Vicenda che risale a due settimane fa, che ha portato alle dimissioni da prefetto della Segreteria per la Comunicazione di mons. Dario Viganò. Al di là della dinamica dei fatti e della lettera dai lui scritta e resa nota (doveva restare riservata), resta dentro un certo mondo ecclesiale l’istinto a fare di Benedetto il simbolo dell’opposizione tradizionalista di Francesco, ruolo che il papa tedesco respinge in ogni modo, ma spesso senza successo, visto l’atteggiamento più indulgente di molti “ratzingeriani”.

Oggi la proiezione del documentario sulla sua vita
Per il resto la sua vita nel monastero è scandita dalla preghiera e dalle letture, e qualche visita. Al suo fianco sempre il segretario particolare, l’arcivescovo Georg Gänswein, che Francesco ha lasciato nel suo incarico di Prefetto della Casa Pontificia, l’ufficio che presiede all’attività pubblica del Papa. All’interno della città leonina - segnala Avvenire - il Pontefice emerito sarà “festeggiato” oggi con la proiezione di un documentario dal titolo «Benedetto XVI, l'ora della verità» che verrà proiettato nella Filmoteca vaticana a Palazzo San Carlo e poi diffuso per tutti su Tv2000.

© Riproduzione riservata